Visualizzazione post con etichetta Statistiche e Previsioni Economiche. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Statistiche e Previsioni Economiche. Mostra tutti i post

venerdì 27 novembre 2015

Ma è attendibile il clima di fiducia dei consumatori?



Da parte mia faccio notare il notevole scostamento tra il clima di fiducia e i consumi, di fatto stagnanti da oltre due anni, e nuovamente l'indice di fiducia con le aspettative dell'economia, sempre secondo i consumatori.


lunedì 3 agosto 2015

Wagner, chi era costui?

Nei giorni scorsi il Financial Times ha pubblicato i dati della spesa pubblica per abitante, ove si mostra che quella italiana non è poi così elevata come si suole dire.


Qui se ne era dato conto il 7 luglio scorso. Mentre avevo espresso un commento sulla significatività di questo tipo di statistiche il 20 febbraio.

Ora vi ritorno perché ai liberisti questo tipo di statistiche non piacciono. Vi sono dei professori alla Bocconi  che hanno argomentato che la spesa pro capite non è significativa perché mancherebbe il denominatore, ovvero un altro parametro di raffronto, rappresentato dal pil pro capite. 

Capite ora che tipo di laureati possano uscire da un’università di questo tipo!  

Occorre spiegarlo? Spieghiamolo allora. Il denominatore esiste ed è la popolazione. Si parla infatti di spesa pubblica per abitante, ovvero di G/P se con G indichiamo la spesa pubblica e con P la popolazione. Il rapporto che Carlo Alberto Maffè riterrebbe significativo, ovvero

G/P
Y/P

non sarebbe altro infatti che il rapporto tra spesa pubblica e pil:


G . P  =  G
P    Y       Y

Rapporto significativo, ma non è quello di cui si stava parlando.


In apparenza, più sofisticato è il richiamo di Riccardo Puglisi, che invoca una meritatamente sconosciuta legge di Wagner.


In sintesi questa sofisticata teoria sostiene che la spesa pubblica aumenta con la crescita del reddito pro capite, per cui non vi sarebbe nulla di particolarmente straordinario nelle statistiche appena diffuse.

Se così fosse, di che si  lamentano i liberisti? Se la spesa pubblica è alta sarebe allora merito di un reddito più elevato. O forse vogliono ridurre i redditi dei cittadini al solo scopo di ridurre la spesa pubblica?

Questi sono i paradossi a cui si giunge partendo da correlazioni errate. La spesa pubblica non aumenta per il solo fatto che il reddito aumenta. Il reddito pro capite americano è sicuramente più elevato, ma l’incidenza della spesa pubblica è inferiore a quella europea. Si deve pertanto prendere atto che la spesa pubblica è una spesa autonoma, non strettamente dipendente dal reddito. Ne è prova il caso greco, ove la spesa pubblica è stata drasticamente tagliata e il pil è crollato (e non certo viceversa, dato che i tagli sono stati imposti da organismi esteri, la troika, ai legittimi governi ellenici).

domenica 1 febbraio 2015

Previsioni pil 2015 a gennaio

Il Pil degli Stati Uniti, registrando nella parte finale dell'anno scorso un aumento del 2,6% annualizzato sul trimestre precedente, chiude il 2014 con una crescita del 2,4%.


Per il 2015 si attende una crescita del 3,1%.

Nella zona euro, dopo il +0,8 previsto per l'anno appena concluso, si dovrebbe registrare un aumento dell'1,1. Migliorano le aspettative anche per l'Italia, con una crescita del pil che passa dallo 0,4 allo 0,5%, sostanzialmente grazie all'effetto congiunto del calo dei prezzi energetici con l'indebolimento dell'euro. Molto più incerto è l'effetto del QE appena varato dalla BCE sulla crescita della domanda interna.


lunedì 3 novembre 2014

Commento alle previsioni Istat

L’Istat questa mattina ha rilasciato le nuove previsioni per il periodo 2014-2016. Secondo queste, il pil dopo il calo dello 0,3% di quest’anno crescerà dello 0,5 nel 2015 e dell’1% l’anno dopo.

Poiché sono già poco attendibili quelle del 2015, è inutile addentrarsi ad esaminare le previsioni per il 2016. Quelle del prossimo anno, pur essendo in linea con le previsioni prevalenti, risultano poco credibili se si esamina in dettaglio la domanda effettiva che dovrebbe giustificare quella crescita.

La tabella che segue riprende le previsioni dell’Istat ed evidenzia gli andamenti semestrali impliciti per il 2014.


La cosa che salta all’occhio è l’andamento degli investimenti. Nel 2014 la domanda effettiva al netto della spesa delle imprese dovrebbe crescere dello 0,3%. Una miseria. E ciò ha indotto le aziende a ridurre gli investimenti del 2,3%. Nel 2015, pur avendo di fatto la stessa crescita anemica (+0,4), non si capisce perché le imprese dovrebbero espandere gli investimenti dell’1,3%. Tanto più che – ad esempio – la capacità produttiva utilizzata dalle imprese manifatturiere è  poco sopra il 72% e dista sei punti percentuali dal culmine del 2007. Ferme restando tutte le altre ipotesi, se solo si lasciasse invariato nel 2015 il livello degli investimenti preventivato per quest’anno la crescita del pil sarebbe dello 0,3 anziché dello 0,5%.



Addendum del 6 novembre
L'Ocse prevede per l'Italia una crescita del pil nel 2015 dello 0,2%.

giovedì 2 ottobre 2014

Ma quanti sono i disoccupati?

Dipende da cosa si intende per disoccupato. Ad esempio l'ufficio statistico americano fornisce ben sei definizioni di disoccupazione. Quella ufficiale (U3) ad agosto era al 6,1% della forza lavoro (occupati + disoccupati ufficiali). La definizione più estesa (U6) include sia coloro che sono disponibili a lavorare, ma hanno smesso di cercare attivamente un'occupazione, sia quelli che pur avendo un'occupazione part time hanno accettato quanto veniva loro proposto per ragioni economiche, ma sarebbero interessati ad un lavoro full time. In tal caso, il tasso di disoccupazione americano sale al 12%.

Il Rapporto sul Mercato del Lavoro del Cnel propone anch'esso sei definizioni di disoccupazione. Sono quelle indicate nella seguente tabella.


La disoccupazione ufficiale è qui definita U1 ed è quella che normalmente calcola l'Istat e riguarda coloro che ricercano attivamente un lavoro. La definizione più estesa, anch'essa definita U6, è simile al quella utilizzata dall'istituto statistico americano. Ma in tal caso, il tasso di disoccupazione italiano supererebbe il 30%. 



Ma chi ha rinunciato a cercare un lavoro perché si è stufato di inviare inutilmente il curriculum è forse meno disoccupato di chi si è appena diplomato o laureato e si affaccia per la prima volta sul mercato del lavoro?

Non sarebbe male se l'Istat si adeguasse alla stessa metodologia impiegata dal BLS americano, diffondendo oltre al tasso di disoccupazione ufficiale anche quello più esteso, assai più veritiero. Sarebbe sicuramente un'operazione più giusta e interessante di quella messa in opera per adeguare il pil.

mercoledì 10 settembre 2014

Spese per l'istruzione

Fonte: Ocse

Riporto alcuni grafici del rapporto Ocse dedicato all'istruzione.

Il primo riguarda la spesa per studente sostenuta da vari paesi nel 2011.

cliccare per ingrandire

Il secondo esprime la spesa per l'istruzione in percentuale del pil



L'ultimo grafico mostra la quota della spesa per l'istruzione in rapporto alla spesa pubblica complessiva

cliccare per ingrandire

venerdì 13 giugno 2014

Uno sguardo all'economia americana (e non solo) con alcuni grafici

L'Ocse nel rapporto dedicato all'economia americana pubblica alcuni grafici molto interessanti, che qui riporto. L'Overview del rapporto lo trovate invece qui.

1) La forza della ripresa dell'economia americana dall'ultima crisi rispetto alle riprese precedenti, sia in termini di pil che di occupazione.

cliccare per ingrandire

2) Il livello di indebitamento sia delle famiglie che delle imprese (ho evidenziato con una freccia la posizione dell'Italia)

cliccare per ingrandire

3) L'impatto dell'ultima crisi sul tasso di crescita del pil, rispetto al trend pre-esistente. Si noti il confronto con l'economia dell'Euro Zona.

cliccare per ingrandire

4) Infine il livello del rapporto prezzo / utili delle azioni  americane, corretto per il ciclo, rispetto alla media storica, così come calcolato dal premio Nobel Robert J. Shiller



martedì 27 maggio 2014

Disoccupazione giovanile 2013

Fonte: ILO

Riporto la cartografia mondiale della disoccupazione giovanile così come pubblicata dal rapporto dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro.

In Italia nel 2013 era al 39,7%. Cliccando sulla fonte dei dati riportata all'inizio di questo post si potrà conoscere l'effettivo tasso di disoccupazione degli altri paesi, grazie all'interattività del grafico, nonché scaricare l'intero rapporto.

sabato 26 aprile 2014

Animal Spirits e Vudù

Fabrizio Galimberti su Il Sole 24 Ore di oggi scrive
riduzioni di imposta finanziate da riduzione di spesa, si dice, possono essere recessive invece di dare uno stimolo (il moltiplicatore della spesa è superiore al moltiplicatore dell’entrata). Il che è tecnicamente vero, ma la temperie presente della nostra economia mal si presta a questi calcoli. Dopo una lunga prostrazione che ha rigettato il reddito reale pro-capite al livello di fine secolo scorso, tutto ormai si gioca su variabili diverse dalla contabilità degli stimoli. Quel che conta è la fiducia, la propensione al consumo non è una costante, la propensione ad investire è scalpellata dagli “spiriti animali”, l’umore del Paese può cambiare rapidamente.
Sono sostanzialmente le stesse tesi che venivano avanzate per l’austerità espansiva: un taglio della spesa pubblica, permettendo di ridurre la pressione fiscale, avrebbe ridato fiducia al settore privato che avrebbe incominciato ad investire, alleviato dal ridotto peso delle imposte. Sappiamo come è andata: l’avanzo primario dal 2010 al 2013 è passato dallo 0,1 al 2,5% del 2012 e al 2,2 dell’anno scorso. Nello stesso periodo il pil è sceso del 3,6% ed ora gli stessi fantasiosi autori (Giavazzi e Alesina) sono favorevoli ad uno sforamento del deficit del 3%.

Non si capisce infatti perché una teoria (quella del moltiplicatore della spesa pubblica), confermata da studi empirici del Fmi, non debba valere per l’Italia e ci si debba piuttosto affidare a teorie non molto diverse da quelle vudù, per le quali politiche restrittive avrebbero effetti espansivi.

Ma al di là delle dispute teoriche, resta il fatto che il programma economico del governo Renzi, così come illustrato dal DEF, prevede che l’avanzo primario salga dal 2,2 al 2,6%. Anche tralasciando tutti i discorsi sui moltiplicatori, l’effetto sul settore privato è chiaramente restrittivo.


Se crescita sarà (la media delle previsioni è allo 0,6%), non sarà certo per merito della domanda pubblica, ma nemmeno dei consumi delle famiglie (il FMI li stima in calo di un altro 0,2%). L’espansione dovrebbe arrivare dalla domanda estera, la quale andrebbe però a compensare il calo della domanda interna al netto degli investimenti. Questi ultimi, infine, innanzi ad una domanda effettiva sostanzialmente stagnante dovrebbero crescere secondo il Fmi, di quasi il 2%. Perché? Boh. Spiriti animali o wishful thinking, salvo poi scoprire tra sei mesi che la previsione era troppo ottimista.


P.S. - Intanto sono già arrivati i primi lamenti per il calo dell'export in seguito alle svalutazioni dei paesi emergenti. (Se la svalutazione del tasso di cambio è un male per il sistema economico, come mai la rivalutazione non è così benefica?)

martedì 8 aprile 2014

giovedì 3 aprile 2014

La piena occupazione? quando i disoccupati sono al 10%

Fonte: Ocse

I presunti (e presuntuosi) tecnici dell'Ocse (come quelli della Commissione Ue) hanno stabilito che l'Italia avrà la piena occupazione quando i disoccupati saranno circa il 10% (contro l'attuale 13%).

Non ci credete? Impossibile? 

Beh, pensate che questi incompetenti, che si sentono autorizzati a fornire raccomandazioni di politica economica come se fossero i depositari della Legge, prevedono la piena occupazione per la Spagna con il 22% dei disoccupati.

Serve altro per capire che usano modelli totalmente sballati? 

Anziché far riferimento al punto più alto del ciclo economico, questi sciacalli definiscono il massimo della capacità produttiva (e annessa occupazione e disoccupazione) quella che risulta dalla media degli ultimi anni. E poiché dal 2008 la disoccupazione è in crescita, la media restituisce tassi di disoccupazione "strutturale" sempre più elevati. Ne consegue che le politiche espansive devono essere evitate, perché altrimenti ripartirebbe l'inflazione anziché crescere l'occupazione. 

Follia allo stato puro!

cliccare per ingrandire

mercoledì 19 marzo 2014

Istruzione, Spesa sanitaria e ineguaglianze in Italia e nei paesi Ocse

Fonte: Ocse

Il grado di diseguaglianza nella distribuzione dei redditi può essere misurato dall'indice del Gini, che varia da zero a uno. Più l'indice è basso più si ha equidistribuzione del reddito; più è alto più il reddito del paese è concentrato in poche persone.


La spesa sanitaria per abitante. Nonostante tutto il male che si può dire, quella italiana è non solo inferiore a quella media dei paesi più sviluppati (Ocse), ma è inferiore di circa un terzo rispetto a quella tedesca.


La spesa per l'istruzione per studente


martedì 25 febbraio 2014

Previsioni Commissione Ue

Fonte: Commissione Ue

Pil 2013 e previsioni per il 2014



E per quelli che ripetono come le maestrine del secolo scorso che "dobbiamo fare i compiti a casa", sanno che l'Italia ha l'avanzo primario più alto tra i maggiori paesi euro?


certo che lo sanno, ma sono venduti agli stranieri (UE, Merkel, ecc.) o sono ideologicamente reazionari. Talvolta sono le due facce della stessa medaglia: reazionari traditori dell'Italia

martedì 11 febbraio 2014

Il Pil della Zona Euro è il 10,7% in meno rispetto al potenziale stimato nel 2008



Utilizzando il grafico pubblicato dall'OFCE è facile calcolare che nel 2014 il pil della zona euro sarà il 10,7% più basso rispetto a quanto sarebbe stato se fosse cresciuto ad un tasso potenziale dell'1,9% come stimato nella primavera del 2008 dalla Commissione Europea. 

giovedì 26 dicembre 2013

Krugman e il tasso di partecipazione

Secondo il BLS, l'istituto statunitense specializzato nelle statistiche del lavoro, nel prossimo decennio il tasso di partecipazione della forza lavoro, ovvero il rapporto tra chi è disposto a lavorare (o lavora) sul totale della popolazione in età lavorativa, sarà destinato a scendere dal 63,7% del 2012 al 61,6.

Tendenzialmente non vi è quindi speranza che possa ritornare sui livelli pre-crisi, come auspicato da Paul Krugman per poter considerare conclusa la crisi del 2007.

Il calo sarà imputabile soprattutto alla fascia giovanile della forza lavoro. La decisione di presentarsi sul mercato del lavoro calerà dal 55 a meno del 50% (era il 66% nel 1992). E' augurabile che tale evoluzione dipenda da una più estesa frequentazione delle aule scolastiche.


Se questa tendenza verrà confermata il tasso di partecipazione non potrà costituire un valido indicatore per decretare il successo  o meno delle politiche economiche statunitensi, come alcuni osservatori (soprattutto europei) sembrano sostenere per screditare quanto avviene al di là dell'Atlantico. Nel tasso di partecipazione subentrano infatti numerosi fattori, da quelli demografici alle politiche di immigrazione, dalla propensione agli studi dei giovani al ciclo economico che vive il paese.

Molto più significativo sarà ed è il tasso di disoccupazione, magari quello che include gli sfiduciati e coloro che sono costretti ad accettare un lavoro part time in mancanza di meglio. E quest'ultimo indicatore è attualmente al 13,2% (contro il 7 ufficiale). 


Ma i disoccupati, ufficiali e sfiduciati, stanno diminuendo e contemporaneamente l'occupazione sta crescendo. E coloro che si affidano al tasso di partecipazione per sostenere che le statistiche non riescono a cogliere del tutto coloro che hanno rinunciato a cercare un lavoro dovrebbero prima spiegare come sia possibile che la gente rinunci proprio quando l'occupazione sta crescendo. E l'occupazione negli Usa è cresciuta di quasi 7,5 milioni dal punto più acuto della crisi, assorbendo 4,5 milioni di disoccupati ufficiali. Gli altri 3 milioni sono necessariamente giunti dagli sfiduciati o dalle nuove leve della forza lavoro.


Si può sempre fare di più e meglio. E gli economisti americani hanno tutte le ragioni per sostenere le politiche economiche più opportune per assorbire al più presto la disoccupazione. Meno accettabile è vedere gli europei criticare gli Usa, quando qui non si fa nulla per sostenere la crescita.

martedì 10 dicembre 2013

La propensione al consumo dei ricchi è diversa da quella dei poveri

rich-on-poor-2
Interessante. La differenza tra ricchi e poveri non è così grande come pensavamo 

Il fallimento delle previsioni economiche deriva da errati moltiplicatori della spesa. A loro volta i moltiplicatori sono determinati in misura significativa dalla propensione al consumo, diversa tra ricchi e poveri. Un articolo pubblicato da Keynes Blog ne ricostruisce la storia.