Visualizzazione post con etichetta Energia e Ambiente. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Energia e Ambiente. Mostra tutti i post

mercoledì 4 giugno 2014

Morti per inquinamento: tra i primi 10 paesi a livello mondiale, 8 sono europei (Italia inclusa)

Fonte: Quartz.com / Ocse

Credevate che la legislazione europea fosse particolarmente attenta all'ambiente? I morti per inquinamento smentiscono una credenza diffusa. Tra i primi 10 paesi al mondo,  otto sono europei, tra cui l'Italia, ove nel 2010 vi sono stati quasi 570 morti per ogni milione di abitanti (ovvero più di 34 mila persone).


martedì 12 novembre 2013

Emissioni di CO2 e prezzo dell’energia (2013-2035)

Da Quartz.com

Il grafico che segue riporta a sinistra le emissioni di CO2 dall’inizio del secolo scorso ad oggi e quelle previste fino al 2035, distinguendo tra paesi avanzati (Ocse) e non. Il grafico a torta sulla destra indica i limiti di emissione, se si vuole contenere l’aumento della temperatura globale entro i 2° nei prossimi 20 anni.

Screen Shot 2013-11-12 at 8.30.54 AM


Da dove arriverà il petrolio nei prossimi anni? Se il Medio Oriente può apparire scontato (ed acquisterà via via maggior importanza soprattutto a partire dal 2025), significativa sarà la quota del Brasile, almeno nel prossimo decennio. Il resto del mondo vedrà calare inesorabilmente la propria produzione. Diverranno inoltre rilevanti le modalità di estrazione non convenzionali,  più costose e a maggior impatto ambientale. 

Screen Shot 2013-11-12 at 8.27.25 AM


Il costo dell'energia resterà almeno il doppio di quello sostenuto dagli Stati Uniti. Attualmente il gas naturale costa da 2,5 a 4 volte e mezzo quello che costa agli americani. Da qui al 2035 non si prevedono miglioramenti nei prezzi relativi per l'elettricità in Europa o in Cina, sempre rispetto agli USA.

Screen Shot 2013-11-12 at 8.23.08 AM

domenica 11 agosto 2013

L'Autorità per l'Energia: le "liberalizzazioni" non funzionano

Dal sito del "Corriere della Sera":

La concorrenza non funziona. A dieci anni dalla liberalizzazione dell'energia e del gas i prezzi di luce e riscaldamento sul mercato libero sono più alti di quelli del «tutelato». Esattamente del 12,8% per l'energia elettrica e del 2% per il gas. Questa la conclusione a cui è arrivata l'Autorità per l'energia in base a una indagine che ha radiografato i prezzi nel 2011.