lunedì 15 febbraio 2016

Debito Pubblico 2015 al 133,4% del pil

Fonte: Elaborazioni su dati Banca d'Italia

Nel 2015 il debito pubblico si è attestato a poco meno di 2.170 miliardi, pari al 133,4% del pil (132,3 nel 2014). In un anno è aumentato di 33,8 miliardi.


Al netto degli oltre 58 miliardi che l'Italia ha dato  ai paesi della zona euro in difficoltà (direttamente o attraverso organismi europei), il debito “interno” si riduce a  2.111,7 miliardi (quasi 36 in più rispetto ad un anno fa).


L’aumento del debito “interno” relativo al 2015 è stato totalmente finalizzato per la copertura del “fabbisogno interno”, pari a 45,4 miliardi (il 2,8% del pil), di cui circa 71 derivanti dagli interessi passivi. Il saldo primario (ossia al netto degli interessi sul debito pubblico) segna pertanto un avanzo di 25,5 miliardi, ovvero l’1,6% del pil.


Il fabbisogno di 45,4 miliardi è stato coperto, come si è detto, per 35,9 mediante l’indebitamento e per 10,7 miliardi attingendo alla liquidità che il Tesoro ha presso la Banca d’Italia. Sono invece aumentate di 1,2 miliardi le disponibilità degli enti locali presso il sistema bancario.

Nel complesso, la liquidità del settore pubblico si commisura in 62,6  miliardi, pari al 3,8% del pil.  In particolare, a fine 2015 la liquidità del Tesoro era di 35,7 miliardi, mentre le altre AAPP potevano contare su 26,9 miliardi.


Aggiornamento del 5 marzo 2016

Dopo la pubblicazione dei dati "definitivi" del pil da parte dell'Istat il debito pubblico si attesta al 132,7%


Nessun commento:

Posta un commento