venerdì 11 aprile 2014

La Politica di Bilancio del 2013 e quello che ci aspetta nel 2014

L’anno scorso le entrate fiscali sono diminuite, dello 0,8%. Qualcuno se n'è accorto? Meglio non farla questa domanda se non si vuole ricevere insulti e contumelie. Eppure la pressione fiscale è stata limata dal 44 al 43,8%.

Non solo lo sgravio è impercettibile, ma può dare una falsa illusione. Perché mentre le imposte dirette sono aumentate (dello 0,6%), sono calate le imposte indirette (-3,6%) e i contributi sociali (-0,5%). Eppure tutti ci ricordiamo che l’iva e le accise sono state aumentate.  E come può un aumento dell’aliquota accompagnarsi ad una riduzione del gettito? In un solo modo: riducendo la base imponibile, ovvero in seguito alla riduzione dei consumi e degli acquisti. Nel 2013, infatti, la domanda interna del settore privato espressa in termini reali è scesa del 3,1% e le importazioni (su cui si applica l’iva) del 2,9%. Le manovre fiscali restrittive anziché incrementare il gettito lo hanno ridotto. Come si sono ridotti i contributi sociali per il calo degli occupati (-2%). Ed ecco spiegato come una stretta fiscale si traduce in un’apparente miglioramento della pressione fiscale.

Con le entrate extra-tributarie, gli introiti delle Amministrazioni Pubbliche restano invariate rispetto al 2012 (47,7% del pil).


La spesa per i dipendenti è scesa dello 0,7%, mentre le prestazioni sociali sono aumentate del 2,7%. In leggera crescita gli acquisti di beni e servizi (+0,6%).

La riduzione dei tassi di interesse ha permesso di ridurre l’onere sul debito del 6,8%, da 84,6 a 78,8 miliardi.

Notevole anche il calo degli investimenti (-9,2% a prezzi correnti) e delle spese in c/capitale in generale (-12,8%).

Nel complesso le uscite diminuiscono dello 0,5% in linea con il calo del pil nominale (-0,4) e restano pertanto invariate al 50,6%.

Il deficit è pari  al 2,8% (2,9 nel 2012), ma è tutto imputabile agli interessi sul debito, dato che nel 2013 l’avanzo primario è stato del 2,2%.



Cosa ci aspetta per il 2014? Gli 80 euro? Sarà pure, ma secondo il DEF del governo Renzi, le imposte dirette dovrebbero aumentare dell’1,7% e i contributi sociali dello 0,6. Si avrà quindi una redistribuzione del carico fiscale spostando il peso dai lavoratori dipendenti a basso reddito ad altre categorie? Forse. Ed è un forse non ispirato da pregiudizi ideologici, perché contestualmente le imposte indirette (quelle che incidono di più sui ceti meno abbienti) dovrebbero aumentare del 5,4%! Temo quindi che vi sia ben poco in termini di redistribuzione fiscale (e che ancora una volta, si tolga con una mano ciò che si dà con l’altra).

Nel complesso le entrate fiscali dovrebbero aumentare del 2,2%, ben oltre l’1,7 previsto per il pil nominale, e la pressione fiscale ritornerebbe al 44% (dal 43,8 del 2013).

La spesa per i dipendenti continuerebbe a diminuire (-0,7%), come avviene ormai da quattro anni (-5,3% dal 2010), mentre le prestazioni sociali (pensioni, disoccupazione, ecc.) continuerebbero a crescere del 2,7%.

E’ previsto un aumento degli acquisti di beni e servizi del 3,3%, ma proseguirebbe il taglio degli investimenti (-5,3% a prezzi correnti). Nel complesso, tuttavia, la spesa in c/capitale aumenterebbe del 6,7%.

L’avanzo primario, ossia il saldo tra le entrate e le uscite al netto degli interessi, salirebbe dal 2,2 al 2,6%.

Gli interessi sul debito aumenterebbero a 82,5 miliardi (+4,7%), con il totale delle uscite che aumenterebbe del 2,6%, pari al 51% del pil.

Il deficit, per effetto dell'aumento delle entrate superiore a quello delle uscite, scenderebbe dal 2,8 al 2,6%.

mercoledì 9 aprile 2014

I twitter-epistemologi

Bene ha imparato "correlazione non è causa-effetto"

E' l'ultimo che su twitter ha voluto precisarmi che un grafico non dimostra scientificamente nulla, perché vi possono essere altri fattori, che non è un'analisi multivariata, che una correlazione non necessariamente implica una relazione di causalità.

Vero. Peccato che quelli che si fanno belli con i principi epistemologici od econometrici quasi sempre nei loro tweet non citano quasi mai un dato, ma solo affermazioni sulla cui bontà si potrebbe discutere a lungo.

Sono perfino capaci di dirti che gli argomenti che tratti richiedono dei paper.

E quand'anche si mettesse un link, quanti di questi twitter-epistmologi riuscirebbero a comprendere uno studio econometrico?

Se vogliamo riservare agli econometrici l'uso esclusivo di twitter non ho problemi a farmi da parte ed assistere ai duelli sugli R quadro o i t-student. Oppure, anziché continuare a ripetere che un grafico non è una analisi multivariata, si abbia la bontà di portare una tesi (anche monovariata) alternativa. Perché 

a) un grafico o una tabella può non essere sufficiente a dimostrare una relazione funzionale tra due variabili, ma può essere in grado di smentire un'affermazione

b) perché non può significare il contrario di quello che rappresenta 

c) perché se le variabili rappresentate in un grafico o in una tabella hanno un minimo di coerenza logica (economica) e vi è una relazione tra i due fenomeni, per quanto non esaustiva, quella relazione ha un fondamento.

L'alternativa, altrimenti, è che su twitter i dati e i grafici non sono scientifici, ma i luoghi comuni assurgono a verità rivelate. Mi pare un po' troppo.

Nessuno in 140 caratteri può sviscerare un argomento sotto tutti i punti di vista e analizzare ogni singola sfaccettatura. Non è facile nemmeno in un blog (ci vuole come minimo un paper). Ma tra le cazzate in libertà e un'affermazione supportata da un  singolo dato, spirito scientifico vuole che si esamini la seconda e si lasci perdere la prima. 

Inoltre non è una confutazione  dire che una tabella è monovariata. Confutazione è quando altro dato o altra analisi smentisce la tesi o ne dà una spiegazione migliore.  





martedì 8 aprile 2014

domenica 6 aprile 2014

Salario Minimo

Ovviamente si sono già alzate le voci dei liberisti paventando delocalizzazioni delle imprese italiane, qualora fosse introdotto anche da noi.

Ma com'è che in Belgio, Olanda, Irlanda, Francia, Regno Unito e Stati Uniti le imprese convivono con il salario minimo e solo in Italia sarebbero terrorizzate? 

E come mai ora viene introdotto in Germania, ma non può essere considerato per l'Italia?


Aggiornamento del 18 aprile 2014
Il link conduce ad una cartografia ove si rappresenta il tasso di disoccupazione e i paesi con il salario minimo. Ad un primo sguardo direi che non vi è alcuna relazione evidente che porti a concludere che il salario minimo si accompagni a tassi di disoccupazione più elevati. 

giovedì 3 aprile 2014

La piena occupazione? quando i disoccupati sono al 10%

Fonte: Ocse

I presunti (e presuntuosi) tecnici dell'Ocse (come quelli della Commissione Ue) hanno stabilito che l'Italia avrà la piena occupazione quando i disoccupati saranno circa il 10% (contro l'attuale 13%).

Non ci credete? Impossibile? 

Beh, pensate che questi incompetenti, che si sentono autorizzati a fornire raccomandazioni di politica economica come se fossero i depositari della Legge, prevedono la piena occupazione per la Spagna con il 22% dei disoccupati.

Serve altro per capire che usano modelli totalmente sballati? 

Anziché far riferimento al punto più alto del ciclo economico, questi sciacalli definiscono il massimo della capacità produttiva (e annessa occupazione e disoccupazione) quella che risulta dalla media degli ultimi anni. E poiché dal 2008 la disoccupazione è in crescita, la media restituisce tassi di disoccupazione "strutturale" sempre più elevati. Ne consegue, che le politiche espansive devono essere evitate, perché altrimenti ripartirebbe l'inflazione anziché crescere l'occupazione. 

Follia allo stato puro!

cliccare per ingrandire

Nel 2013 compravendite immobiliari in calo del 9,2% (-25,8 nel 2012).

Fonte: Istat, BI, AdT

Cliccare per ingrandire


Fonte: Istat

Fonte: Banca d'Italia

mercoledì 2 aprile 2014

Due pensionati su tre ricevono meno di 1.500 euro al mese

Fonte: Istat

Cliccare per ingrandire
Solo 211 mila persone hanno una pensione superiore a 5.000 euro al mese (ovvero l'1,3% dei pensionati percepisce il 6,3% della spesa pensionistica).

Il 65% dei pensionati riceve invece una pensione inferiore ai 1.500 euro (e sono esclusi dagli 80 euro annunciati da Renzi). Le loro pensioni incidono per il 39% della spesa complessiva.